header_neve.jpg
Sei qui: Home Uffici Comunali Segreteria News Di stanza in stanza… tra oblio e memoria - Mostra di Elisabetta Vazzoler
Stampa  E-mail 
Martedì 25 Settembre 2018 12:58

Questo articolo è stato letto: 188 volte

Di stanza in stanza… tra oblio e memoria - Mostra di Elisabetta VazzolerVenerdì 28 settembre ad ore 18.00 si svolgerà l'inaugurazione della mostra di pittura "Di stanza in stanza… tra oblio e memoria" di Elisabetta Vazzoler, presentata dal critico d'arte Mario Cossali al piano nobile del Palazzo de Probizer di Isera. La mostra rimarrà in esposizione dal 28 settembre al 14 ottobre 2018 presso Palazzo de Probizer, con orari indicati in locandina.

 

28 settembre – 14 ottobre 2018Palazzo de Probizer, Isera

Inaugurazione: 28 settembre ore 18.00

 

La pittura di Elisabetta Vazzoler (insegnante d'arte a Bolzano, impegnata da molti anni in una ricerca riflessiva su nuovi sguardi e nuovo colore) fa pensare a tutta prima alle atmosfere incombenti di Edward Hopper, ma a ben guardare la narrazione è molto diversa. Qui uomini e donne non appaiono mai, anche se molte ombre sembrano parlare e muoversi. Si procede di stanza in stanza seguendo un filo nascosto, ma resistente e persistente, il filo del sentimento interiore che attraversa gli spazi rappresentati in compagnia fedele del colore incaricato autorevolmente di interpretarli, di dar loro senso secondo suggestioni ora accoglienti ora inquiete non di rado inquietanti. Sono morto troppe volte credendo e aspettando, aspettando in una stanza fissando il soffitto scalcinato aspettando il telefono, una lettera, un colpo all'uscio, uno squillo...

Ripensiamoli adesso davanti a queste opere i versi taglienti di Charles Bukowski. Calore sereno dell'incontro e timore/tremore dell'attesa si inseguono senza soluzione di continuità verso un futuro che è tutto spazio da esplorare e mai del tutto esplorabile, esplorato.

Di stanza in stanza, tra oblio e memoria procede il viaggio di Elisabetta Vazzoler, consapevole dell'inestricabile sviluppo di ciò che vogliamo (vorremmo) ricordare e di ciò che dimentichiamo perché troppo ingombrante, di ciò che ritorna in ogni caso e di ciò che ci proietta in un possibile, sempre desiderato e insieme sempre precario, futuro. Possiamo immergerci in queste stanze per trovare le nostre stanze, quelle che formano il nostro appartamento intimo e che, nonostante tutto, spesso non sappiamo conoscere.

Mario Cossali – Isera, settembre 2018

Di stanza in stanza… tra oblio e memoria - Mostra di Elisabetta Vazzoler

Di stanza in stanza… tra oblio e memoria - Mostra di Elisabetta Vazzoler
 
 

Ultimo aggiornamento :
Martedì 25 Settembre 2018 14:52